Pagerank

Attenzione: questa pagina è stata scritta una decina d’anni fa e contiene informazioni solo in parte ancora valide.

Google ha ormai ammesso che il valore che viene mostrato sulla barretta verde della Toolbar e dai siti specializzati che offrono un servizio di rilevazione del Page Rank mostrano valori falsi.

Ormai solo Google conosce il vero Page Rank di un sito, e non lo mostra a nessuno.

Cio non vuol dire che costruirsi una rete di link in entrata non serva più a nulla, e nemmeno che lo scambio link sia inutile. Certo, lo scambio link al giorno d’oggi ha un valore molto più basso rispetti ad anni fa, ma serve comunque ancora a qualcosa. Fare uno scambio link con 5/10 siti che trattano argomenti simili può sempre dare una mano nell’indicizzare meglio un sito internet.

Tutto quanto scritto sotto rimane parzialmente vero tranne per la barretta verde: quello che viene mostrato è un valore che non significa nulla.

PageRank e Link Popularity

Per capire cos’è il PageRank è necessario parlare di un altro parametro introdotto da Altavista qualche anno fà, cioè la Link Popularity, ovvero la Popolarità di un sito web.
La Link Popularity si basava su un dato molto semplice:
piu’ link riceve un sito piu’ quel sito è importante.
Fatta la legge trovato l’inganno.
Infatti bastava aprire alcune decine di siti di una sola pagina (anche siti su spazio web gratuito), possibilmente allearsi con qualche altro webmaster che aveva fatto la stessa cosa, inserire in ognuno di quei siti i link degli altri e il gioco era fatto, secondo Altavista avevamo fatto dei gran bei siti e pure abbastanza importanti, e come premio ci spediva centinaia di visitatori che non avevano nulla da visitare visto che i siti avevano l’unico scopo di linkare altri siti.
Successivamente Google (e dopo anche gli altri motori come Fast-AllTheWeb, Inktomi Etc. etc.) ha corretto questo concetto inventando il PageRank, detto anche PR, che non è altro che il Rank (classifica) di Page (uno dei 2 fondatori di Google, non quello dei Led Zeppelin).
Il meccanismo che sta alla base del PageRank è molto semplice:
non tutti i link sono uguali, quelli provenienti da certi siti sono piu’ importanti e quindi hanno un peso maggiore, altri hanno meno importanza.
L’importanza di un sito è data dal suo PageRank il quale viene calcolato dalla quantità di link che si ricevono e, sopratutto, dal peso che questi link hanno, ovvero dal PageRank che ha la pagina che ci concede il Link.
A grandi linee il funzionamento di Google è questo, e questo è quanto basta sapere per far avere piu’ accessi al proprio sito procurandosi qualche Link Pesante.
Inoltre credo sia inutile, oltre che impossibile, cercare di capire nello specifico come funziona Google visto che gli algoritmi matematici applicati al PageRank cambiano spesso.

Come si fa a conoscere il proprio PageRank

Andate sul sito di Google e scaricate la Google Toolbar (pr PageRank 6/10, puntanto il mouse sulla barra sapremo il valore del PR ), una barra che si integra in Internet Explorer e oltre a permettere vari tipi di ricerche contiene la barretta magica che indica il PageRank della pagina che si sta visitando.
Il PageRank va da 0 a 10, puntando il mouse sulla barretta bianco/verde sapremo quanto è il PR della pagina che stiamo visitando.
Dobbiamo anche dire per completezza che il PageRank indicato sulla barretta non è quello reale di un sito, ma quello arrotondato per difetto. Infatti il PR reale lo conosce solo Google, e dopo il numero intero (ad es. 5) ci sono diversi decimali, per cui se visitiamo 10 siti con PR uguale a 5, non tutti nelle realtà hanno lo stesso PR, ci sarà chi ha PR 5,05 e chi PR 5,90, e i link che partono da questi siti nella realtà non saranno tutti uguali, ma a noi comuni mortali sembreranno tutti link da siti PR5.
Generalmente, all’interno delle stesso sito, il PR segue un andamento “a cascata”, cioè le pagine linkate dalla home avranno un PR di un punto piu’ basso, quelle linkate da queste ultime un’altro punto in meno etc.
Questa comunque non è una regola vera e propria. Basta infatti che una pagina interna al sito, che in teoria dovrebbe avere 2 o 3 punti in meno rispetto alla home page riceva 1 o 2 Link Pesanti per avere un solo punto in meno rispetto alla home page se non addirittura lo stesso PR.

Come aumentare il proprio PR

Per avere un buon PR (4-6) bisogna:

segnalare il proprio sito alle directory piu’ famose

farsi recensire-linkare da siti simili per argomento

trovare altri siti con cui fare scambio link o partnership

Sebbene il PR dei siti possa oscillare fra lo 0 e il 10, la gamma che a noi interessa è compresa fra il PageRank 4 e il PageRank 6, per dei motivi molto semplici:

passare da PR 0 a PR 4 è molto semplice, bastano i link di Yahoo e Dmoz/Odp

in italia, non esistono PR 10 (anche google.it ha pr9)

i siti che hanno PR 7-8 e 9 sono dei colossi, scordatevi un link dalla loro home page

Quindi una volta segnalato il sito alle principali directory ed ottenuto il nostro PR 4 andremo a cercare i siti con PageRank 4-5 per ottenere recensioni, scambio link-banner, partnership che ci possano assicurare qualche link. Ricordatevi che è fondamentale avere già un PR accettabile (4) quando si chiede uno scambio link ad un sito, quasi nessuno accetterà se vi presentate con un PR uguale a 0 o 1.
Link dopo link e dopo un bel po’ di mesi dovremmo riuscire finalmente a raggiungere il PR 5.
Per riuscire a raggiungere questo che è già un ottimo PR spesso non basta la richiesta di scambio link con altri siti, è necessario che il nostro sito abbia un po’ di contenuti validi e che altri siti ci linkino spontaneamente.
Con un buon PR 5 quindi potremo cercare qualche link piu’ pesante, magari riusciremo a trovare qualche sito a PR 6 che accetta uno scambio in home page, o magari avremo la fortuna che qualche nostro sito partner raggiunga il 6 e lasci il nostro sito in home page.
A questo punto dovrei dire che il nostro obiettivo è il PR 6, ma non lo dico, non è cosa semplice e non bastano gli scambi link a portarci cosi’ in alto, ma non ha importanza, quello che conta è mantenere sempre ottimi rapporti con i nostri partner, quando ci si presenta l’occasione di una partnership con siti migliori non lasciarsi sfuggire l’occasione, e se abbiamo un buon sito con dei buoni contenuti i visitatori arrivano anche con il PR 5, se poi col tempo il nostro PR 5 scarso diventa un PR 5 pieno (ricordate il discorso sui punti decimali del PR fatto prima?) i visitatori continueranno ad arrivare sempre piu’ numerosi. Se dopo tutto questo lavoro riusciremo ad arrivare al 6 tanto di guadagnato, se non ci riusciremo pazienza.

Inizio Pagina